La visione “distante” di ciò che ci appartiene

distance
distance

La prima volta che vidi un’opera di Lisa Eleuteri Serpieri provai un sentimento molto simile al colpo di fulmine. Conservai gelosamente il suo biglietto da visita per anni, tutti quelli necessari a completare gli studi universitari e trovare un lavoro “serio”. Non avevo dubbi sul regalo che mi sarei concessa con i primi risparmi. Così quel biglietto da visita fu liberato dal fondo del cassetto. “Down by the water XVIII” è parte della mia casa -non nel concetto fisico delle quattro mura ma in quello più caldo di “cuccia” nella quale mi sento protetta- e parte integrante del mio primo progetto di scrittura che ha potuto beneficiare del suo utilizzo come immagine di copertina.

Down by the water XVIII
Down by the water XVIII

Consiglio a chi sarà a Roma dal 21 Ottobre al 17 Novembre di partecipare a “Dinstance”, la mostra personale di Elisabetta Eleuteri Serpieri presso l’HulaHoop Club e Gallery, con l’auguro che possa regalare le stesse emozioni che l’incontro con questa artista straordinaria ha donato a me.

Nota sulla mostra:

Come si può avere una visione “distante” di ciò che ci appartiene?

Lisa Eleuteri Serpieri nelle opere di Distance ci invita a provare questo distacco, portandoci ad osservare ciò che apparentemente conosciamo e riconosciamo a memoria – il corpo nella sua complessità e totalità – da un punto di vista “diverso”, frammentato.

Il corpo perde una connotazione completa, l’artista ne esalta alcune parti, ne sottolinea l’importanza, li mette come in “macropiano” attraverso una pittura definita a discapito dello spazio nella quale si inserisce, che sovente regala un’atmosfera senza contorni e nette definizioni.

Le figure di Lisa sono prevalentemente donne, non hanno un volto in quanto volutamente viene escluso nell’inquadratura della tela, o nascosto dal corpo stesso e in quei corpi senza fattezze ci si può riconoscere perché, in una muta lingua, dialogano con un codice universale di forme e colori.

Lo stilema cromatico ci parla di malinconia e fragilità ma si contrappone alla forza che è propria della costruzione formale e compositiva di queste opere, una lotta archetipica e quindi universalmente riconoscibile.

Sono elementi questi che ci fanno guardare l’Io nella sua totalità; il corpo come materia organica e composta da parti distinte e inserite in uno spazio, e il corpo rivolto allo spirito, inteso come realtà astratta e senza confini, aspetti che generano una condizione “frattale” che va oltre la dimensione spazio temporale.

Distance è un progetto che nasce nel 2011 e che ha già visto molte tappe in Italia; L’HulaHoop Gallery ha scelto di ospitare e mettere in mostra questo progetto, inaugurando la nuova stagione espositiva Venerdì 21 Ottobre dalle ore 19,30.

Una perfomance live con violino e arpa legata al progetto artistico chiuderà la serata:

Paola Morales e Francesca Trovato sono le musiciste che esploreranno nuove possibilità di dialogo tra la grazia dell’eredità classica e la freschezza della musica contemporanea.

Nota sull’artista:

Figlia di un grande disegnatore di fumetti, Paolo Eleuteri Serpieri, Lisa è cresciuta tra tele, colori e pennelli, sviluppa sin da bambina una grande sensibilità per le arti figurative. Proveniente da studi artistici al Liceo nel 93 si diploma presso l’Accademia di Moda e Costume di Roma e intraprende la carriera di costumista che abbandonerà definitivamente nel 2000 per dedicarsi completamente alla pittura.

http://www.lisaeleuteriserpieri.com

http://www.hulahoopclub.it

Recent Posts

Archives

MelaniaMieli Written by:

Be First to Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *