Hacker Porn Film Festival: Roma 26-30 Aprile 2017

La pornografia è uno strumento che fa parte della formazione sessuale, tuttavia troppo spesso i contenuti che attraverso di essa sono veicolati appaiono stereotipati se non addirittura machisti. Il risultato è che i fruitori si ritrovano a visionare un prodotto che crea dubbi o insicurezze piuttosto che espandere l’immaginario e le fantasie erotiche oltre i canoni e le etichette prestabilite.

Dal 26 al 30 Aprile 2017 il Kino a Roma (Via Perugia 34 – Pigneto – Roma) ospiterà l’Hacker Porn Film Festival con l’intento di dare valore e visibilità alle produzioni indipendenti che fanno dei corpi, della sessualità e delle transizioni tra i generi, nuovi soggetti d’indagine e ricerca.

Di seguito il comunicato dell’evento:

Hacker Porn Film Festival nasce a Roma dall’idea di Francesco Costabile, produttore del documentario vincitore di un Nastro d’argento “Porno e Libertà” 
e di Lucio Massa produttore di diversi film indipendenti tra cui “Oltre la follia” di Luigi Atomico. 
La missione del festival è dare valore e visibilità alle produzioni indipendenti che fanno dei corpi, della sessualità e delle transizioni tra i generi, nuovi soggetti d’indagine e ricerca. Il post porno come scrittura in grado di scardinare i generi, le convenzioni linguistiche e il rassicurante cinema di intrattenimento a cui siamo abituati. Il festival vuole ‘hackerare’ e destabilizzare il sistema convenzionale di fruizione del cinema.


Film, corti, documentari tutti inediti in Italia scelti e proposti al fine di stimolare dibattiti e interrogativi, ampliare i nostri confini esperienziali e incentivare una produzione e distribuzione indipendente nel nostro paese.

Molti i film inediti e i registi presenti al festival.

Theo & Hugo – dans le meme bateau, vincitore del Teddy Bear ( Berlinale 2016) un film intenso e crudo sulla sieropositività oggi e sulla paura di amare. ChemSex, documentario prodotto da VICE, sulla combo sesso/droga che dilaga nella comunità gay londinese scatenando un allarme sociale e sanitario. Etre Cheval di Jérôme Clément-Wilz, documentario sul feticismo della trasformazione in cavallo: il “pony playing”, con protagonista la transgender Karen e la sua redenzione post-umana.

Il festival presenta numerosi lavori post porno e porno femministi, tra cui Snapshot – prodotto dalla Pinklabel.tv, piattaforma americana di distribuzione porno/queer – diretto da Shine Louise Houston con la collaborazione artistica di Jiz Lee, attivista e attrice queer americana. The Bedroom di Anna Brownfield, grande esponente del femminismo e del post porno in Australia, il suo film è un’indagine sociale sviluppata in sei decadi, un’unica stanza da letto per diverse tipologie d’amori e sessualità, uno sguardo ironico su come sono cambiati i corpi e il sesso con il passare degli anni.

 

 HPFF presenta, per la prima volta in Italia, una personale su Antonio Da Silva, regista cult portoghese, unisce il linguaggio performativo alla video arte e al cinema. Da anni lavora su temi legati all’omosessualità, al cruising e al sesso pubblico come atto di sovversione dal controllo sociale sui nostri corpi.


Il festival presenterà numerosi cortometraggi con delle succose anteprime: Pansexuals di Erika Lust, celebre regista post porno (Xconfessions) naturalizzata in Spagna e produttrice di Refugges Welcome di Bruce la Bruce, in anteprima nazionale, storia di un poeta siriano e delle sue avventure sesuali; Blown di Buck Angel del celebre pornodivo trans americano e tanti altri autori come Lidia Ravviso, Carlotta Moore, David Bloom, Rosario Gallardo, Maria Basura, Luca Donnini e tanti altri ancora…


Fuori concorso Queen Kong di Monica Stambrini e tanti altri film tra cui Porno & Libertà di Carmine Amoroso ( Nastro D’Argento 2016) e Inside the Chinese Closet di Sophia Luvarà, documentario sui matrimoni di facciata tra omosessuali nella Cina contemporanea e l’anteprima internazionale di Sexual Labyrinth di Morgana Mayer, un film erotico e onirico sulla presa di coscienza e liberazione di un corpo femminile, un omaggio al cinema di Cavallone, Fulci, Joe D’Amato e Luigi Atomico a cui il film è dedicato.


Collaborazioni

Hacker Porn Film Festival nasce in collaborazione con il festival olandese 
BUT FILM FEST di Breda con una selezione di titoli bizzarre, porn, trash  e con il POP PORN FESTIVAL di San Paolo  con una retrospettiva di titoli e autori sudamericani tra cui NOVA DUBAI, dramma pornoterrorista contro l’urbanizzazione selvaggia e il genocidio culturale di questi ultimi anni i e O’ ANIMAL SONHADO, un film a episodi sui desideri, le ossessioni, le solitudini del Brasile contemporaneo. Il film presenta anche una selezione di cortometraggi tedeschi in collaborazione con il BERLIN PORN FILM FESTIVAL.”

 

Sito:

www.hackerpornfest.com

Facebook:

https://www.facebook.com/hackerpornfilmfestival/?ref=ts&fref=ts

Dropbox:

https://www.dropbox.com/sh/v2y2wbjw6ji2c25/AADA_prvjEyPwKPeDuNfs8maa?dl=0

email:

hackerpornfest@gmail.com

Recent Posts

Archives

MelaniaMieli Written by:

Be First to Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *